I Servizi associati. Terzo incontro sulla Negoziazione sociale

I servizi associati. Questo, il titolo del penultimo dei quattro incontri previsti dal ciclo seminariale sulla Negoziazione sociale, organizzato dallo SPI CGIL Metropolitano Venezia. La terza iniziativa, rivolta ai Segretari delle Leghe SPI del Territorio e ai Collaboratori che si occupano di Contrattazione sociale, si svolgerà il 13 aprile (sempre in videoconferenza) alle ore 10.
Come sottolineato nei due incontri precedenti da Daniele Tronco, Segretario generale SPI CGIL Metropolitano, “…sono aggiornamenti per i Segretari delle nostre Leghe territoriali e di chi fa attività di questo tipo all’interno di esse, al fine di recepire quelli attualizzati dallo SPI Regionale Veneto in alcuni punti della Piattaforma e che ci verranno illustrati in questi appuntamenti. E’ una occasione di approfondimento, al fine di incrementare l’attività di Negoziazione, che già esercitiamo con le vari Amministrazioni del Territorio”.
“Le fusioni comunali sono un’opportunità, non obblighi – ha commentato Gino Ferraresso del Dipartimento Welfare SPI CGIL Veneto, nell’introdurre la parte normativa del secondo incontro sul tema delle Fusioni comunali, tenutosi alla fine di marzo – noi le sosteniamo perché ci sono a disposizione risorse statali e regionali con cui poter fare economie e poter, altresì, diminuire la tassazione. C’è però il tema dell’identità, dei campanili, che non va sottovalutato. Per chi ha responsabilità politiche e sociali come il nostro Sindacato, il compito primario dovrebbe essere quello di progettare un futuro equo e sostenibile per il bene delle Comunità locali”.
A seguire, la relazione – supportata anch’essa da slides – da parte di Renato Bressan, Segretario SPI CGIL Veneto, che ha introdotto, tra i vari elementi, comparazioni tra Regioni (Emilia Romagna e Veneto) con analisi storiche, economiche, sociali.
Molti gli interventi a seguire, con le conclusioni a cura del Segretario generale SPI CGIL Metropolitano, Daniele Tronco.