Ed ecco che inizia un nuovo Campo della Legalità…

🚆Siamo partiti da Portogruaro, al mattino. Pietro, Marinella, Graziella e Cristina, che si unisce al gruppo da Mestre. Direzione Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, al Campo della Legalità intitolato a A.Varone, vittima innocente della camorra. Si tratta di un bene confiscato alla criminalità organizzata, gestito dalla cooperativa di Libera “Al di là dei Sogni”. Arriviamo con quasi due ore di ritardo – causa guasto carrozza treno – e ci immergiamo immediatamente nello spirito del Campo. Pochi minuti per sistemare i bagagli, proprio per non perdere la magistrale lezione di Simmaco, il presidente della cooperativa. Un excursus sulle dinamiche, i risvolti e le finalità criminali, che hanno visto molti giovani coinvolti e tanti, troppi morti innocenti. Emozionanti e commoventi i passaggi in cui racconta proprio la morte di alcuni di loro e sulla necessità, sull’obbligo morale di opporsi alle organizzazioni criminali, per una società civile degna di questo nome. Eravamo talmente presi dal suo incalzante raccontare, che il buio ci ha sorpreso con una cena alle 22,30 sotto il pergolato. Tutti insieme, senza età o distinzione geografica. E nelle camerate e nelle tende con i nostri sogni in un unico, ma reale, sogno. La legalità. Innanzi tutto.