Memoria di una strage

Un dono di Piero Sandano – professore e artista – alla Lega SPI CGIL Cavarzere Cona l’immagine e il progetto della copertina, che illustra la pubblicazione “Memoria di una strage” nel 75° anniversario dell’eccidio di San Pietro e Cavanella 5 luglio 1944- 2019, a cura di Liana Isipato, autrice del volumetto e con un intervento di Marco Borghi, direttore Iveser.
Una testimonianza scritta, a perenne ricordo della ferocia e malvagità dell’eccidio. Memoria viva per quei semplici e umili eroi, che hanno sacrificato la grandiosità della propria vita in nome di un ideale alto di libertà e democrazia.
“Malgrado la storia ne abbia dimostrato le conseguenze tragiche – scrive Giuseppe Bergantin, Segretario Lega SPI CGIL Cavarzere, nella sua introduzione – fascismo e razzismo continuano ad essere fenomeni presenti ed in preoccupante crescita nel nostro Paese. Per queste ragioni, rievocare i fatti e le vittime innocenti di San Pietro di Cavarzere e Cavanella d’Adige, del lontano 5 luglio 1944, non mi è parso un mero esercizio accademico volto a riscoprire una pagina di storia locale, ma una doverosa azione politica che intende valorizzare l’importanza della Resistenza al nazi-fascismo e le radici della nuova Italia”.