Per non dimenticare. Mai.

Il silenzio accorato di una platea attenta e rispettosa ha accolto e ascoltato la storia di Olga Blumenthal, una donna, una professoressa di tedesco – una delle prime donne a insegnare all’Università di Venezia e catturata a novembre del 1944, poi deportata e uccisa a Ravensbruck – nella presentazione del libro di Emilia Peatini “Olga Blumenthal – Storie di una famiglia e di una vita” – presentato all’Auditorium di Favaro Veneto, nell’iniziativa organizzata dalle Leghe SPI SPI CGIL Mestre, Laguna Nord Est, Marghera e Chirignago Zelarino, introdotta da
Daniele Tronco, Segretario generale SPI CGIL Metropolitano Venezia, con la partecipazione dell’autrice, di
Maria Teresa Sega dell’IVESER, di Ruggero Zanin dell’ANPI e le letture dell’Associazione Voci di Carta.
Storia e Memoria. Un impegno che lo SPI – tra le molteplici attività rivolte ai pensionati, alle persone anziane e non solo – vuole onorare in tutte le sue forme, a testimonianza della continuità dei valori rappresentati da donne e uomini che, per la loro strenua difesa, hanno sacrificato la vita.
Per vedere il video, cliccare su link https://fb.watch/aGG4H4wZFi/

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.